Reclami contro la SUVA

Reclami contro la SUVA

Oggi la SUVA offre adeguate prestazioni assicurative per le vittime di amianto malate e i loro sopravvissuti, ma ciò ha richiesto alcuni "lavori preparatori" legali, in cui gli avvocati del nostro team hanno svolto un ruolo significativo. Steiniger è la via legale per le persone che sono venute come lavoratori autonomi in contatto con l'amianto. In generale, è molto difficile far valere le responsabilità nei confronti di datori di lavoro o dipartimenti governativi. Anche in questo caso, schadenanwaelte.ch ha aperto la strada, dopo la nostra denuncia, alla Corte europea dei diritti dell'uomo a Strasburgo con sentenza dell'11 marzo 2014, la pratica federale come CEDU avversa, secondo la quale il termine di prescrizione per le richieste di risarcimento per la responsabilità civile si estende sempre dall'ultima esposizione all'amianto dovrebbe iniziare e non dall'inizio della malattia. Questo regolamento, che è stato rappresentato dalla Corte suprema federale per molti anni, ha avuto la conseguenza contraddittoria che la richiesta di risarcimento è stata vietata prima che il danno potesse sorgere!

La nostra vittoria a Strasburgo ha fatto molto!

Il Parlamento è stato costretto a rivedere il vecchio statuto delle limitazioni svizzero, dopo che in passato tutti i tentativi erano stati bloccati dai circoli economici.

La SUVA si è sentita in dovere di contribuire a modificare le norme sulla compensazione dell'integrità. In futuro sarà sufficiente la diagnosi del tumore fatale dell'amianto al fine di ottenere un'indennità di integrità superiore a CHF 100000, indipendentemente dal tempo di sopravvivenza dopo la diagnosi. Finora, coloro che sono morti entro sei mesi dalla diagnosi non avevano diritto al risarcimento dell'integrità, quelli che sono morti tra sei e diciotto mesi, fino alla metà e solo pochi sopravvissuti ai diciotto mesi dopo la diagnosi un intero. Il nostro lavoro ha contribuito a rendere questo indegno regime un ricordo del passato.

Il consigliere federale Berset ha convocato una tavola rotonda dopo la sentenza di Strasburgo sulla questione dell'opportunità di istituire un fondo per il risarcimento più equo delle vittime dell'amianto. La tavola rotonda è diretta dall'ex consigliere federale Moritz Leuenberger. Tra i partecipanti vi sono rappresentanti dell'industria e del commercio, dell'amministrazione, delle organizzazioni dei datori di lavoro, dei sindacati, delle compagnie assicurative e delle organizzazioni delle vittime dell'amianto. Abbiamo svolto un ruolo decisivo sia in qualità di avvocato nel procedimento di responsabilità dell'amianto, sia in quanto membro del consiglio dell'Associazione delle vittime dell'amianto. Il 1° luglio 2016, la tavola rotonda ha riferito di aver concordato i parametri di riferimento per la compensazione; Il fabbisogno finanziario del Fondo è stimato in oltre 100 milioni di franchi.

La pressione di trovare finalmente una soluzione per le vittime svizzere dell'amianto ha contribuito al fatto, oltre alla sentenza di Strasburgo. che abbiamo coperto sia la SUVA che l'Ufficio federale della sanità pubblica (BAG) con dichiarazioni di responsabilità. La nostra accusa era che - come mostrano le procedure all'estero - dai primi anni sessanta sull'effetto del cancro dell'amianto avrebbe dovuto sapere. Nonostante ciò, la SUVA aveva pubblicato i primi volantini sulla cancerogenicità dell'amianto nel 1972; il BAG ha persino elencato l'amianto nel 1989 come veleno di classe 1 da veleno.

L'avvocato David Husmann è stato insignito del premio "Avvocato dell'anno" dello studio legale internazionale PEOPIL (Pan European Organization of Personnel Injury Lawyers) 2014 per la sentenza di Strasburgo sull'amianto.

Siamo un po 'orgogliosi di aver inaugurato un ripensamento con la nostra coraggiosa azione nel caso dell'amianto, sia la Corte federale che il Parlamento, l'amministrazione federale e la SUVA con "leggera pressione".

Responsabilità di SUVA?

Infine, resta anche da chiarire fino a che punto la SUVA, che emana norme sulla sicurezza del lavoro e deve monitorarne la conformità, può essere ritenuta responsabile, soprattutto perché oggi i datori di lavoro affermano di aver rispettato le linee guida della SUVA e quindi non sono in colpa trasportare.

© 2019 Verein Asbestopfer und Angehörige