© 2019 Verein Asbestopfer und Angehörige

Reclami dei dipendenti

Reclami contro il datore di lavoro

1. I diritti dei dipendenti
I lavoratori colpiti da malattie legate all'amianto che hanno contratto amianto sul posto di lavoro devono verificare, oltre a far valere i propri diritti nei confronti delle assicurazioni sociali coinvolte (assicurazione infortuni, assicurazione invalidità), se possono far valere diritti legali anche nei confronti del proprio datore di lavoro attuale o precedente. Tali richieste riguardano le prestazioni che non sono coperte dai suddetti regimi di assicurazione sociale, in particolare: soddisfazione, spese mediche, perdite di reddito non coperte e altre spese connesse alla malattia.

 

In linea di principio, l'onere della prova dell'esistenza di una perdita finanziaria e della cattiva condotta del datore di lavoro incombe al lavoratore. Per questo motivo, prima che i sinistri possano essere rivendicati, deve esserci la documentazione più completa possibile in merito allo specifico rapporto di lavoro in cui si è verificato il malato contatto con l'amianto. A tal fine, il fascicolo personale completo deve essere richiesto al datore di lavoro interessato. È inoltre necessaria una documentazione sull'azienda in quanto tale (storia aziendale, processi di produzione, ecc. Inoltre, deve essere disponibile anche la storia medica completa, che deve essere richiesta in ogni caso ai medici curanti.
 
Per quanto riguarda il comportamento scorretto da rimproverare al datore di lavoro, si richiede la prova che il datore di lavoro, nonostante il rischio già noto al momento del contatto con l'amianto, non ha adottato misure di protezione o non ha cessato la produzione di prodotti a base di amianto. Inoltre, deve essere dimostrato - almeno per alcune delle voci di danno - che il datore di lavoro ha agito con negligenza.
 
Il Parlamento svizzero ha recentemente deciso di estendere il termine di prescrizione assoluta per le richieste di risarcimento contrattuale ed extracontrattuale per danni alle persone dagli attuali 10 anni a 20 anni (termine di prescrizione assoluta). Anche il periodo limite relativo di un anno è stato portato a tre anni. In termini concreti, ciò significa che il periodo di prescrizione per le vittime dell'amianto è ora di 20 anni e che un mesotelioma ad amianto diagnosticato deve essere denunciato entro tre anni dal momento in cui si è venuti a conoscenza del danno.

 

La revisione dei termini di prescrizione è stata la risposta del legislatore a una richiesta della Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), che considerava troppo breve il termine di prescrizione decennale per una vittima dell'amianto. A nostro parere, questa revisione non soddisfa ancora oggi i requisiti dei diritti umani, perché è noto che il periodo di latenza è spesso di 30 anni o più. E' quindi prevedibile che le vittime dell'amianto dovranno recarsi nuovamente in visita alla CEDU per chiarire che questo periodo è troppo breve per far valere i loro diritti.
 
2. I diritti dei membri della famiglia dei lavoratori dipendenti
2.1 I parenti malati dei dipendenti non possono rivendicano alcuna pretesa nei confronti dell'assicurazione contro gli infortuni (di solito SUVA), poiché non vi è alcuna malattia professionale. I diritti nei confronti di una società devono essere dedotti dall'articolo 41 OPPURE. La risposta alla questione della colpa è di importanza centrale in questo caso.

Esempio: i parenti soffrono di amianto perché sono venuti a contatto con gli abiti da lavoro polverosi del dipendente. La colpa dell'azienda è da ricondurre al fatto che i dipendenti e i loro familiari non hanno fornito informazioni sufficienti o non hanno fornito informazioni sufficienti sui pericoli associati alla polvere di amianto. Inoltre, si dovrebbe esaminare se una pulizia degli indumenti da lavoro avrebbe potuto avvenire in modo del tutto privato. 
 
Se si afferma la responsabilità di un'impresa, si dovrebbe anche chiarire se l'assicurazione di responsabilità civile si assumerà eventuali risarcimenti e pagamenti di soddisfazione. Ciò vale anche se l'azienda o l'azienda non esiste più.

2.2. I parenti dei lavoratori deceduti: La moglie e i figli di un dipendente deceduto possono, se è possibile dimostrare che il datore di lavoro è responsabile del decesso, richiedere il risarcimento dei danni che subiscono a causa della perdita di reddito da lavoro (la cosiddetta perdita della pensione). Inoltre, ciascuno di essi riceve un compenso individuale. Attenzione: in questo caso, tuttavia, possono essere applicati termini di prescrizione notevolmente più brevi.

3. Altre vittime dell'amianto
Nel caso di vittime dell'amianto che non sono venute a contatto con l'amianto sul posto di lavoro, la base giuridica su cui si possono far valere le pretese deve essere esaminata separatamente per ogni singolo caso.
Esistono diverse possibilità, in base alle quali, oltre alla responsabilità contrattuale (ad es. contratto di locazione, contratto di acquisto), può essere messa in discussione anche la responsabilità extracontrattuale (ad es. responsabilità civile, responsabilità del proprietario).

Esempio: Qualcuno si ammala perché viveva vicino ad un impianto di produzione dell'amianto ed è entrato in contatto con l'amianto attraverso le immissioni. In questo caso, il guasto dovrebbe essere esaminato a causa dell'inadeguata purificazione dell'aria di scarico durante la produzione.
 
4. Responsabilità della SUVA
Infine, resta da chiarire in che misura la SUVA, che emana le norme sulla sicurezza sul lavoro ed è responsabile del controllo dell'osservanza di tali norme, può essere ritenuta responsabile, tanto più che oggi i datori di lavoro affermano di aver rispettato le norme SUVA dell'epoca e quindi di non essere inadempienti.

5. Fondazione di compensazione per l'amianto (EFA)

L'obiettivo della Fondazione EFA è di aiutare le vittime dell'amianto e le loro famiglie in modo rapido, equo e non burocratico. E questo indipendentemente dal fatto che le persone colpite siano o meno venute a contatto con l'amianto per motivi professionali. In questo modo si garantisce che sia gli assicurati non assicurati LAINF che gli assicurati LAINF ricevano un sostegno. Ulteriori informazioni possono essere trovate qui.

6. Processi

Alcune vittime dell'amianto o i loro parenti hanno avviato azioni legali contro ex datori di lavoro. A tutt'oggi nessun tribunale ha condannato un datore di lavoro a risarcire le vittime. Fino ad oggi (settembre 2019), il Tribunale federale svizzero ha stabilito che queste richieste scadranno al più tardi 10 anni dopo l'inalazione delle polveri di amianto. Sebbene la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), nella sua storica sentenza, abbia stabilito che non si può avere un termine di prescrizione prima che una vittima venga a conoscenza della sua malattia, il Tribunale federale non ha ancora "dato il via libera" a nessun processo e ha respinto l'istanza di prescrizione.

La Corte Suprema Federale dovrà decidere ancora una volta in diversi casi se le rivendicazioni dei querelanti sono vietate. Se ciò viene confermato, l'EGMR dovrà di nuovo affrontare la dolorosa questione dello statuto svizzero di prescrizioni difettoso in risposta a una denuncia delle vittime dell'amianto.

Obblighi del datore di lavoro

Ai sensi dell'articolo 82 della Legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (LAINF), il datore di lavoro è tenuto a prendere tutte le misure necessarie alla luce dell'esperienza, dello stato della tecnica e delle circostanze per prevenire infortuni e malattie professionali.

D'altro canto, il paragrafo 3 dello stesso articolo obbliga anche i lavoratori ad assistere il datore di lavoro nell'attuazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali. In particolare, essi devono utilizzare dispositivi di protezione individuale che facciano un uso corretto dei dispositivi di sicurezza e non devono rimuoverli o modificarli senza l'autorizzazione del datore di lavoro.

Le misure necessarie per la movimentazione di materiali contenenti amianto sono previste dalla direttiva CFSL n. 6503 "Amianto". La linea guida CFSL può essere trovata qui.

I lavori che comportano il rilascio di quantità significative di fibre di amianto pericolose per la salute possono essere eseguiti solo da imprese riconosciute di abbattimento dell'amianto. Le imprese di rimozione dell'amianto riconosciute dalla Suva si trovano qui.

I giovani al di sotto dei 18 anni non possono essere utilizzati per lavori che comportano il rilascio di quantità significative di fibre di amianto pericolose per la salute.

Valore limite sul posto di lavoro

Per l'amianto, il valore limite sul posto di lavoro (valore massimo di concentrazione sul posto di lavoro, valore MAK) è stato fissato a 0,01 fibre di amianto respirabili/ml di aria (=10.000 fibre di amianto respirabili per metro cubo di aria). Questo valore tiene conto delle più recenti scoperte epidemiologiche sul rapporto dose-risposta tra amianto e mesotelioma/cancro polmonare. Per saperne di più sui valori limite sul posto di lavoro clicca qui.

Controllo dell'inquinamento atmosferico

Se durante i lavori di trasformazione, ampliamento o ristrutturazione attraverso l'aria esterna, le emissioni di polveri sottili di amianto vengono cedute a terzi, devono essere rispettate le prescrizioni legali per la lotta contro l'inquinamento atmosferico, in particolare il valore limite di emissione e l'obbligo di minimizzazione ai sensi dell'articolo 82 dell'ordinanza sul controllo dell'inquinamento atmosferico (OIAt). L'ordinanza sulla lotta contro l'inquinamento atmosferico è disponibile qui.

Cessione

I rifiuti con amianto debolmente legato sono classificati come rifiuti pericolosi e vengono generalmente smaltiti da società specializzate. Ulteriori informazioni sullo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto sono disponibili qui.